Il ponte termico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
porta finestra bianca

Il ponte termico può causare dei disagi in casa come muffe e condense. Ecco spiegato cos’è e come risolvere questo problema.

Oggi, voglio parlarvi dei ponti termici, una problema che purtroppo è presente nella maggior parte delle nostre case. 

Cos’è un ponte termico?

I ponti termici nell’involucro edilizio sono quei punti di collegamento che si possono trovare nei solai, nel tetto o nei serramenti; da questi punti di collegamento si disperde il calore causando un disequilibrio termico in tutta la casa.

Ecco gli effetti di un ponte termico

Ponti termici: come e dove si formano

Il ponte termico si forma quando due materiali a elevata conduzione termica sono collegati tra loro, senza essere divisi da un materiale isolante e pertanto ci sarà un passaggio di calore tra i due materiali, partendo dal più caldo e arrivando al più freddo.

Quello che ho appena cercato di spiegare è un concetto un po’ complesso per chi non mastica quotidianamente questi concetti, perciò ti faccio un esempio semplice per chiarirti le idee.

Poniamo caso che sotto alla porta d’ingresso ci siano due materiali che conducono calore e sono abbastanza comuni nelle case, come ad esempio il marmo o le piastrelle.

A primo impatto potresti pensare che il freddo non può entrare in casa se la porta è chiusa, però non è esattamente così, in quanto occorre ragionare in termini di calore; questo si sposta sempre dall’ambiente più caldo, l’interno, all’ambiente più freddo, l’esterno, non solo attraverso l’aria, ma soprattutto attraverso i materiali termoconduttori. Quindi dalle piastrelle presenti all’interno dell’abitazione passa il calore, che va verso l’esterno attraverso il marmo della soglia, arrivando all’ambiente più freddo.

Quali problemi causano i ponti termici?

I ponti termici portano alla dispersione di calore e di conseguenza a un generale peggioramento del confort abitativo. In particolare possono causare:

  • formazione di condensa
  • formazione di muffa, quest’ultima molto pericolosa per la nostra salute
  • incremento del consumo di energia dovuto alla dispersione di calore
  • aumento delle spese di riscaldamento
  • maggior inquinamento ambientale

Conseguenze della presenza dei ponti termici in un nuovo appartamento.

Condensa > umidità > muffa

Come eliminare i ponti termici?

Ti anticipo già che purtroppo eliminare del tutto i ponti termici in un’abitazione esistente è molto difficile.

Ma niente paura! Possiamo intervenire cercando di migliorare il coefficiente di trasmittanza termica.

Occorre individuare i ponti termici e interromperli con sistemi e materiali idonei e, ovviamente, eseguendo la posa in opera che lo specifico caso richiede.

Nel caso del foro finestra, per evitare futuri problemi, si dovrebbero sostituire le vecchie finestre con nuove di ultima generazione a bassa trasmissione termica, ma spesso questo non è sufficiente se prima non è stata fatta un’analisi del contesto e non si è pensato ad isolare ogni punto critico dell’involucro. Il secondo punto, fondamentale, da considerare è il montaggio.

Se il montaggio o posa in opera non viene eseguito seguendo specifici processi che variano secondo le situazioni, nessuna super finestra ti eviterà problemi di spifferi d’aria, umidità e muffa.

Per gli edifici di nuova costruzione, invece, i ponti termici non dovrebbero neppure esistere, in quanto il problema dovrebbe essere analizzato e risolto in fase di progettazione.

Come hai notato, ho scritto dovrebbe per un motivo e te lo spiego con un’immagine, anzi due.

Qui siamo di fronte a un appartamento di pregio in “classe A” in fase di costruzione che mi è capitato di visitare. 

Foro finestra con controtelaio in ferro e soglia in marmo

Il foro finestra ha un controtelaio in ferro e una soglia passante in marmo, entrambi i materiali sono poggiati su laterizio. Sia il ferro che il marmo sono conduttori termici, una volta installata la finestra ci sarà sempre dispersione di calore dall’interno verso l’esterno. In questo caso in fase di progettazione non è stato considerato il problema del ponte termico. A te la conclusione!

Se devi ristrutturare la tua casa o ne stai acquistando una nuova, rifletti sempre sulla progettazione, poiché si tratta di una fase fondamentale per avere una casa sana ed efficiente a livello energetico. Tutto il resto viene dopo.

Per concludere voglio mostrarti la riqualificazione che abbiamo realizzato nello splendido appartamento di S. e A. a Firenze dove è stata riservata una cura e un’attenzione particolare a tutta la progettazione del risparmio energetico e, pertanto, all’eliminazione del rischio di ponte termico.

Se vuoi approfondire l’argomento o hai dubbi sulla dispersione termica in casa tua, contattami per una consulenza.

A presto

Maurizio

Maurizio Puggelli

Maurizio Puggelli

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.
Se vuoi, puoi farmi sapere se hai trovato interessante il mio articolo. Sarò felice di leggere le tue opinioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

maurizio

Sono Maurizio Puggelli e sono l’autore di questo blog. Ho aperto questo spazio per darti preziose informazioni e spunti di riflessione che possano aiutarti a scegliere i tuoi serramenti per goderti al massimo il comfort in casa tua.

Sviluppo progetti per la ristrutturazione di dimore storiche, ville, appartamenti ecc. Ogni giorno lavoro per trasformare le case in un ambiente più sano, confortevole ed ecologico. 

Da piccolo giocavo sempre con il Lego, da grande ho scelto di coltivare questa mia passione per la costruzione. Ho iniziato la mia attività con la produzione di infissi in alluminio, quindi conosco tutto il ciclo produttivo: lavorazioni, materiali, assemblaggio.

L’esperienza mi ha permesso di concepire la finestra come un elemento che ha un ruolo molto importante e se non c’è un progetto ben studiato prima, la sua sostituzione rischia di essere il punto più debole dell’involucro edilizio.

Da questa intuizione è cambiato tutto: non più solo produzione di finestre, ma ho deciso di ampliare le mie conoscenze tecniche iniziando la mia formazione. Ho studiato e continuo a studiare con i professionisti più autorevoli del settore.

Non ti farò una noiosa lista dei miei attestati, ti mostro solo l’ultimo EQF4.

Infine… il mio motto è: pensi o sai?

La mia esperienza e le mie conoscenze sono a tua disposizione. Puoi scrivermi per chiedermi una consulenza, per farmi una domanda o solo per condividere la tua opinione.

Compila il modulo che trovi qui sotto e premi invia, sarò felice di leggerti.

Non ti prometto di risponderti entro 24 ore, ma ti garantisco la mia risposta.

Contattaci

Per vedere la squadra Tecnoserramenti all’opera, guarda la gallery dei nostri lavori

uLTIMI ARTICOLI

SEGUICI SU FACEBOOK

Articoli correlati

Superbonus 110%: ecco la verità

In queste ultime settimane assisto a una corsa delirante di persone che vogliono iniziare i lavori usufruendo del superbonus 110% Non ho mai plaudito questo bonus, al contrario delle altre agevolazioni fiscali in vigore da anni. Oggi, a distanza di 2 anni dall’entrata in vigore

Le detrazioni fiscali 2022 per i lavori in casa

Con la Legge di Bilancio 2022 il Governo ha prorogato le detrazioni fiscali in materia edilizia. L’argomento è delicato e molto complicato, anche perché mai come nell’ultimo periodo, vengono fatte modifiche a suon di decreti. In questo articolo elenchiamo in modo semplice le diverse tipologie di detrazioni

Beste Hub: dal progetto alla realtà

Recentemente è stata inaugurata la nuova sede degli headquarters del Gruppo Beste, il Beste Hub che ha occupato gli spazi dell’ex Lanificio Affortunati in via Bologna a Prato. Si tratta di un progetto che ci ha riempito di orgoglio e che è durato diversi mesi.

Il Gruppo Beste sceglie Tecnoserramenti

Questo articolo è per me molto speciale perché racconto la ristrutturazione di uno degli edifici storici della mia città, Prato, per il quale stiamo curando la consulenza e l’installazione degli infissi.   Si tratta dell’ex Lanificio Affortunati acquisito qualche mese fa dal Gruppo Beste, una